Roma, si uccide a 13 anni: pm indaga per istigazione al suicidio

Nav

Roma, 1 ott. (askanews) - Capire perché quella ragazzina si è suicidata. Accertare se dietro alla vicenda ci possano essere i presupposti per ritenere che la minore fosse vittima di bullismo. E' questo l'ambito investigativo che si sono dati i pubblici ministeri della procura di Roma per chiarire le ragioni di quanto avvenuto domenica pomeriggio nella zona di Valle Aurelia, dove una 13enne si è tolta la vita. I magistrati hanno ipotizzato il reato di istigazione al suicidio ed allo stato si procede contro ignoti. Nelle prossime ore verranno affidate specifiche consulenze scientifiche per verificare ogni elemento. In particolare, verrà esaminato il cellulare della ragazzina. Si vuole capire se sia stata vittima di bullismo, cyber o meno. In questo senso i pm hanno disposto accertamenti anche sul caso di una bambina di 10 anni che nei giorni scorsi aveva tentato di uccidersi, salvata dal pronto intervento di due agenti di polizia donna.