Roma-Torino 1-1, gol di Linetty e Matic

default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 13 nov. – (Adnkronos) – Pareggio per 1-1 tra Roma e Torino in un match della 15/a giornata di Serie A disputato allo stadio Olimpico della Capitale. Al vantaggio degli ospiti con Linetty al 55', risponde Matic al 94'. Al 92' rigore sbagliato da Belotti che prende in pieno il palo, pochi minuti prima espulso il tecnico giallorosso Mourinho per proteste. In classifica capitolini sono sesti a quota 27 insieme all'Atalanta, i granata noni con 21 punti.

LA PARTITA – Primo tempo equilibrato ma con poche occasioni. Sanabria ha una grandissima chance dopo pochi minuti ma spara alto di testa da due passi, Zaniolo risponde con un gran tiro che non trovadi poco la porta. Poi tante interruzioni e un rigore prima concesso e poi cancellato per un fallo di mano di Ricci (carambola dopo un tocco di testa) a chiudere una frazione combattuta ma poco spettacolare. In avvio di ripresa Mourinho sostituisce subito Volpato e inserisce El Shaarawy, mentre Dybala e Belotti restano in panchina.

La Roma sembra più aggressiva e sfiora il gol proprio col neo-entrato, ma al 55' viene colpita: Linetty svetta tutto solo in area e mette alle spalle di Rui Patricio, portando avanti il Toro. Prima rete dopo due anni per il polacco che, come Smalling ed Abraham non è stato convocato per il Mondiale. Una mazzata per i giallorossi, graziati poco dopo – per la seconda volta – dall'ex Sanabria, il cui errore sotto porta fa infuriare Juric.

Mourinho capisce che è il momento di mandare in campo Dybala e Belotti, insieme al giovane Tahirovic, mentre l'attaccante inglese chiude la sua settimana orribile uscendo tra i fischi. L'argentino ci mette pochi secondi a trovare la conclusione; il suo ingresso dà la scossa ai compagni, che premono alla ricerca del pareggio e lo sfiorano con El Shaarawy. I minuti passano, i nervi saltano e a farne le spese è Mourinho, espulso da Rapuano, ma la Roma nel finale trova l'1-1: Belotti dal dischetto colpisce il palo e manca il gol dell'ex, Dybala sull'azione successiva coglie un altro legno, poi ci pensa Matic dalla distanza a battere Milinkovic-Savic e ad evitare il ko.