Roma, truffe a risparmiatori: in 11 a processo

·1 minuto per la lettura

In undici a processo a Roma per una maxi truffa milionaria ai danni dei risparmiatori. Il gup Annalisa Marzano ha rinviato a giudizio Massimiliano Muzzi e altre dieci persone con le accuse, a vario titolo e a seconda delle posizioni, di associazione a delinquere, truffa, autoriciclaggio, ricettazione, ostacolo all’esercizio delle funzioni e delle autorità pubbliche di vigilanza. Muzzi, 49 anni, è già a processo a Roma per una truffa.

Gli imputati sono accusati in concorso “di aver costituito e partecipato a un’associazione a delinquere finalizzata a commettere truffe e appropriazioni indebite in danno di risparmiatori, utilizzando l’impresa di investimento inglese Lux Finance Ltd per svolgere sul territorio italiano attività non autorizzata di promozione e di collocamento dei servizi di investimento e di prodotti finanziari servendosi della sede e del personale” di un’altra società “per eludere e ostacolare le funzioni di vigilanza della Consob”. In particolare, secondo l’accusa, gli imputati “ottenevano dai risparmiatori la disponibilità di ingenti capitali da investire che venivano impiegati per l’acquisto dei titoli dei fondi ‘Pegasus’, in realtà inesistenti, capitali dei quali si impossessavano omettendone la restituzione allorquando i clienti o i promotori chiedevano la liquidazione, procurandosi un ingiusto profitto”.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli