Roma, ubriaco semina panico in un palazzo: arrestato

webinfo@adnkronos.com

di Silvia MancinelliSotto l'effetto dell'alcol, si è introdotto in un palazzo in via Giovanni da Empoli, nel quartiere Garbatella, seminando il panico tra gli inquilini e lanciando vasi sui binari della ferrovia vicina. E' successo la notte scorsa, poco dopo l’una. Protagonista un 49enne originario delle isole Tonga, in Italia da inizio mese per lavoro - ha detto di essere un ufficiale dell’Esercito nel suo Paese - e prossimo alla partenza nei prossimi giorni per altri viaggi programmati fino a Natale. L’uomo, incensurato e presumibilmente un semplice turista, ha iniziato a citofonare insistentemente riuscendo a farsi aprire da un inquilino convinto si trattasse dell’amico con il quale vive.  

Una volta entrato nell’appartamento, ha buttato fuori la vittima che inavvertitamente gli aveva aperto, mettendo a soqquadro ogni cosa, rompendo i rubinetti, le porte, grazie alla sua mole e alla forza dei suoi 100 chili e oltre di peso. 

Non contento, ha scavalcato nel terrazzo del vicino, da lì ha gettato i vasi sui binari del treno, fortunatamente raccolti in tempo da alcuni operai che lavoravano alla linea e riusciti a scongiurare eventuali disagi. Attraverso il cornicione ha raggiunto un altro appartamento e, con la coppia di coniugi all’interno, ha iniziato a tirare calci e pugni contro vetri e porte. 

Finalmente bloccato dai carabinieri della stazione Garbatella, l’uomo - che alloggia in un hotel della zona - non si è però dato per vinto aggredendo anche uno dei due militari. Vinto dal sonno, una volta svegliatosi e ripresosi dalla forte sbornia, ha chiesto scusa. Un pentimento forse "provvidenziale": pur convalidato l’arresto in sede di direttissima, l’esagitato è stato infatti rimesso in libertà.