A Roma una targa in memoria del poeta polacco Jerzy Hordynski -3-

Red/Bea

Roma, 16 ott. (askanews) - Dopo queste esperienze così forti torna a casa profondamente provato nel fisico e nello spirito. Jerzy Hordynski cerca di riprendersi pubblicando le poesie e scrivendo articoli di tematica culturale, ma infine decide di lasciare la Polonia. Studia alla Sorbona e a Perugia, dedica il suo tempo ai viaggi per poi stabilirsi definitivamente a Roma nel 1964. Proprio in quell'anno inizia il suo periodo artisticamente più fecondo. Pubblica 11 volumi di versi, tradotti in 16 lingue, una serie di reportage dalle città europee, saggi, interviste per periodici polacchi e stranieri. Muore il 14 giugno 1998. Viene sepolto nel cimitero romano di Prima Porta.(Segue)