Roma, Zannola (Pd): indigna rimozione targa a Orsatti in Mun.III

Sis

Roma, 4 dic. (askanews) - "Esprimiamo sconcerto ed indignazione per la rimozione forzata della targa dedicata a Lorenzo Orsetti nel Parco Nomentano, a Montesacro, effettuata questa mattina dagli operai inviati dal Campidoglio. L'area verde, con un atto votato dal III Municipio lo scorso giugno era stata dedicata ad Orso, nome di battaglia di Lorenzo Orsetti , morto a 32 anni mentre combatteva contro lo Stato Islamico in Siria. All'intitolazione, aveva partecipato anche il papà di Orso, Alessandro Orsetti". Così in una nota il consigliere del PD capitolino Giovanni Zannola.

"E' veramente paradossale dover constatare con quanta solerzia il Campidoglio è intervenuto per rimuovere una targa ancora in attesa di ricevere il nulla osta dell'ufficio toponomastico - aggiunge Zannola - mentre il verde urbano rimane nell'abbandono e nell'incuria. La burocrazia in questo caso si è abbattuta come il peggiore vandalismo contro la memoria di un giovane democratico che ha pagato con la vita il suo impegno a fianco del popolo curdo minacciato di genocidio dalle mostruosità dell'ISIS, dell'esercito turco e delle milizie dell'estremismo islamista al soldo di Erdogan".

"Stupisce - sottolinea il consigliere -la disattenzione e la sciatteria mostrata in questa occasione dall'assessorato alla cultura che anziché dare corso alle procedure amministrative preferisce eseguire spiacevoli rimozioni. Quanto accaduto è inaccettabile, la sindaca Raggi e l'assessore Bergamo intervengano su una situazione assurda quanto imbarazzante per Roma", conclude.