Crisi di governo in Romania per dubbia gestione covid e crisi energetica

·1 minuto per la lettura

Divergenze sul piano di rilancio europeo e sulla gestione del covid provocano una crisi di governo in Romania.

Sfiduciato il primo ministro di centro-destra Florin Citu dall'insolito sodalizio tra i suoi ex alleati liberal-democratici ed europeisti dell'Usr-Plus, il Partito social-democratico, e l'ultradesta populista del partito Aur.

La crisi era cominciata qualche settimana fa quando il capo del governo di Bucarest, Citu, aveva costretto alle dimissioni il ministro della giustizia Stelian Ion, del partito Usr-Plus, perché si era rifiutato di appoggiare la distribuzione di fondi alle comunità locali.

La leadership del premier conservatore è messa in discussione anche per la presunte inefficienze nella gestione del covid, con ricadute economiche disastrose.

Prossimo atto dovuto istituzionale: il presidente della repubblica, il conservatore Klaus Johannis, dovrà conferire l'incarico a un nuovo primo ministro per la formazione del governo. Sempre che una maggioranza ci sia ancora.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli