Romania, produzione alimentare a rischio per la siccità

Carne di maiale, cereali e miele potrebbero costare fino al 40 per cento in più rispetto allo scorso anno. Colture  a rischio, cambiamenti drastici nella strategia e nella pianificazione agricole.

Anche in Romania, la siccità sta causando danni enormi alla produzione alimentare. E ancora una volta, gli esperti identificano la causa della mancanza di precipitazioni nel cambiamento climatico.

"I prezzi dei prodotti aumenteranno"

"La siccità ha avuto un impatto sia sulle colture autunnali, cioè grano e orzo, sia sulla colza, ma avrà ripercussioni anche sulle colture primaverili, soprattutto sul mais e sul girasole", afferma Alina Cretu, direttore dell'Associazione dei produttori di mais del Paese.

"È possibile che si verifichi un aumento significativo del prezzo dei prodotti di base, ma anche dei prodotti trasformati".

Anche la carne di maiale potrebbe diventare più costosa. Gli allevatori non si sono ancora ripresi dopo il recente aumento dei prezzi dell'energia e, cinque anni fa, la peste suina è stata un duro colpo per il settore.

"In Romania produciamo solo il 20-25% del consumo nazionale di carne suina fresca. Siamo ancora più preoccupati perché ogni volta che si sono verificate emergenze di siccità, il foraggio è diventato più costoso", afferma anche Ioan Ladosi, presidente dell'Associazione dei produttori rumeni di suini (Apcpr).

Se non riusciamo a coprire i costi, ci saranno diversi fallimenti

"Se non riusciamo a coprire i costi, ci saranno diversi fallimenti".

Non solo carne suina: anche i girasoli stanno subendo gli effetti devastanti del cambiamento climatico.

"Per le coltivazioni di girasoli, la siccità ha portato scompiglio", denuncia un apicoltore della contea di Iaşi. "Non piove da maggio quando comunque ha piovuto pochissimo, forse cinque litri d'acqua per metro quadro".

Misure drastiche

Il rischio è tanto grande che l'Amministrazione nazionale di acqua in Romania ha definito "necessario" un razionamento dell'utilizzo di acqua, evitando dunque di annaffiare i giardini e di rimepire piscine.

Anche laddove vi sono riserve d'acqua locali, queste non possono essere dirette con facilità dove ce n'è bisogno.

L'acqua nella riserva di Stânca-Costești, per esempio, non può essere usata nei campi agricoli circostanti per l'inadeguatezza dei bacini intermediari o degli operatori che gestiscono i canali agricoli.

Vadim Ghirda/AP2011
Siccità in Romania - Vadim Ghirda/AP2011

Il ministro dell'Ambiente, Tanczos Barna. ha dichiarato una settimana fa che i serbatoi strategici della Romania sono pieni al 68%, mentre il 70% del Paese è attualmente colpito dalla siccità.

Sarà necessario, ha paventato, un razionamento anche dell'acqua potabile.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli