Romano (Pd) scrive a Businarolo: mai parlato della sua gravidanza

Pol/Luc

Roma, 17 lug. (askanews) - "Mi è stato riferito che questa mattina, alla ripresa dei lavori delle Commissioni congiunte Giustizia e Affari Costituzionali già interrotti con la sospensione di poco precedente, l'onorevole Brescia avrebbe fatto mettere a verbale mie presunte dichiarazioni rese nella Sala del Mappamondo secondo le quali io avrei sostenuto che il suo stato di gravidanza avrebbe dovuto impedirle di svolgere con equilibrio le sue funzioni di presidente di commissione La ricostruzione dell'onorevole Brescia è del tutto arbitraria e fondata su totale falsità, non avendo io mai affermato (né tantomeno pensato) che la sua gravidanza fosse di ostacolo alle sue funzioni di presidente". Lo scrive il deputato Pd Andrea Romano in una lettera alla presidente della commissione Giustizia della Camera, Francesca Businarolo (M5s).

"Quello che ho affermato (e che penso con convinzione) è che Lei, Onorevole Businarolo, questa mattina non abbia svolto con correttezza le sue funzioni di presidente in quanto non ha concesso ai deputati di opposizione che lo chiedevano di svolgere i propri interventi per la durata di cinque minuti per gruppo e per emendamento che erano stati decisi ieri nell'ufficio di presidenza della commissione, pur contro la nostra opinione. In nessun caso e mai mi sarei permesso di riferirmi alla sua condizione di gravidanza come ad un ostacolo", conclude.