Romano: Pd sia rigoroso su agenda politica, no a grillizzazione

Pol-Afe

Roma, 1 ott. (askanews) - "L'alleanza parlamentare e di governo del Pd con il Movimento Cinque Stelle oggi è necessaria. Ma impone al Partito Democratico di rendere ancora più chiara la propria agenda politica, le ragioni del riformismo, l'identità di una sinistra che lavori al futuro dell'Italia. Perché la 'contaminazione' con il Movimento Cinque Stelle può anche travolgere i nostri argomenti politico-culturali e i nostri insediamenti". Lo afferma il deputato del Pd, Andrea Romano, intervistato dal Foglio.

"L'alleanza con i Cinque stelle - prosegue Romano - rappresenta una nuova contaminazione con quelle tossine che sono tornate a circolare anche nel nostro corpo. Dunque, adesso c'è ancora più bisogno di essere lucidi sugli argomenti che ci caratterizzano e che servono al paese. Dobbiamo essere non meno ma più rigorosi". Anche perché, osserva il deputato del Pd, "dobbiamo essere vigili rispetto al rischio della grillizzazione".

Prendiamo due esempi a caso, dice Romano. Le tasse sulle merendine o la giustificazione ministeriale per la manifestazione per l'ambiente di venerdì scorso. "In entrambi i casi abbiamo reagito tardi, perché in fondo dentro di noi c'è un pensiero che ci ha rallentato: ma non è che alla fine ha ragione Fioramonti quando dice che bisogna tassare le merendine per recuperare risorse per l'ambiente? Sulla giustificazione, stesso discorso. Anche lì non abbiamo posto obiezioni di principio". Dunque, dice Romano, "vedo una certa confusione che torna a serpeggiare tra di noi sui valori comuni. Io non escludo, come dice Goffredo Bettini, che nell'elettorato ci sia già una vicinanza, ma questo non autorizza a smobilitare le nostre convinzioni solo perché è nata una alleanza politica basata su criteri di emergenza".