Ronaldo ha il Barcellona nel mirino: la Juve avvisa la Uefa, ma serve il tampone negativo entro 24 ore dalla partita

AD
·1 minuto per la lettura

Cristiano Ronaldo contro Messi. Un appuntamento che il campione portoghese della Juventus non vorrebbe mancare per nessuna ragione al mondo, se non fosse che di mezzo c'è il Covid. La positività riscontrata lo scorso 13 ottobre nel ritiro della nazionale lusitana ha trasformato questo inseguimento in una vera e propria corsa contro il tempo, considerando che la sfida ai blaugrana è programmata per mercoledì 28 e ad oggi non arrivano notizie ufficiali circa la guarigione del calciatore, nonostante sin dall'inizio non abbia manifestato alcun sintomo.

SERVE UN TAMPONE - Ronaldo prosegue il suo allenamento personalizzato e rigorosamente in isolamento nella sua bellissima villa con vista sulla Mole di Torino, ma nel frattempo la Juventus ha provveduto a inoltrare all'Upap, il dipartimento della Uefa preposto per gestire queste situazioni, la documentazione che attesta le buone condizioni di salute dell'attaccante e l'assenza completa di sintomi anche in queste ore. Un passaggio necessario per continuare a sperare di avere il giocatore a disposizione contro il Barcellona la prossima settimana, a patto che lo staff sanitario bianconero presenti un tampone negativo entro le 24 ore antecedenti alla partita. La corsa contro il tempo per l'ennesimo capitolo dello scontro tra titani con Messi è partita.