Ronghi: urge nuovo modello sindacale per i lavoratori

red/Rus

Roma, 24 lug. (askanews) - "La firma del contratto per il settore multiservizi, che ricomprende le aziende del pulimento con lavoratori fortemente penalizzati nei loro diritti, da parte di dieci sindacati autonomi e quattro associazioni datoriali, capeggiate da Conapi, rappresenta una sfida al sindacato confederale sulle nuove regole e per la reale rappresentanza dei lavoratori". E' quanto ha affermato il Segretario Generale di Cnal, Salvatore Ronghi, intervenendo alla conferenza stampa, tenuta, stamani, insieme con Luigi Riccardi (Ulssa), Vincenzo Russo (Failms Confsafi), Felicia Attanasio (Filcas), Giovanni Rocco (Confail), Annarita Saraco (Flia), Michele Palmieri (Cesil) e Luigi Raiola (Failms). "Come ho gi? detto nella mia audizione nella Commissione Lavoro alla Camera dei Deputati, urge la legge per il riconoscimento giuridico delle organizzazioni sindacali e per la determinazione della rappresentativit?, sia nazionale che territoriale e aziendale, sia per i sindacati che le organizzazioni datoriali, ed un nuovo modello sindacale capace di dare risposte di qualit? al mondo del lavoro" - ha sottolineato Ronghi - che ha annunciato: "a settembre, organizzeremo, a Roma, una giornata nazionale del sindacalismo per chiedere al Parlamento di accelerare l'approvazione della legge in materia". "Mentre i sindacati "confederali" restano al palo, dopo ben 73 mesi di vacanza contrattuale, i sindacati autonomi pi? rappresentativi sottoscrivono il contratto collettivo nazionale di lavoro per il settore dei servizi di pulimento e multiservizi - ha evidenziato Palmieri - , un contratto che riguarda un comparto ampio e complesso, che sconta una pesante penalizzazione dei diritti dei lavoratori, e che prevede istituti giuridici migliorativi delle condizioni di lavoro". "Con la stipula di questo fondamentale contratto, rimarchiamo l'importanza del pluralismo sindacale e di un sindacato capace di rappresentare davvero le istanze dei lavoratori - ha aggiunto Rocco - in particolare in un settore, come quello delle aziende di pulizie, nel quale noi siamo in grado di garantire, con questo contratto, occupazione e migliori condizioni lavorative". "Riteniamo di aver fatto un ottimo lavoro, tutti insieme, per far prevalere finalmente in maniera concreta i diritti dei lavoratori e delle lavoratrici - ha detto Russo - ora ci aspettiamo che anche altre organizzazioni sindacali, specialmente quelle maggiormente rappresentative, facciano la loro parte". "Siamo molto orgogliosi della approvazione del contratto per il settore multiservizi e saremo vigili nelle realt? lavorative affinch? esso venga applicato e si concretizzino le disposizioni previste a tutela dei lavoratori - ha aggiunto Riccardi - per il quale "in tempi in cui i sindacati confederali hanno perso di vita la propria mission, noi sindacati autonomi 'rilanciamo' la grande sfida di sindacati che stanno tra i lavoratori e concretizzano scelte e soluzioni a favore dei lavoratori". "Come sindacati autonomi abbiamo concretizzato un grande risultato, ora sta alle aziende dimostrare di avere a cuore la legalit? e il rispetto dei diritti dei lavoratori, applicandolo - ha sottolineato Saraco - che ha aggiunto: "questi settori lavoratori sono legati strettamente al mondo della pubblica amministrazione che, troppo spesso, compie scelte, come gare aggiudicate al prezzo pi? basso, che, inevitabilmente, contribuiscono a penalizzare i lavoratori. E' necessaria, da parte del mondo delle istituzioni, una maggiore attenzione su questi temi, fin dalla predisposizione dei capitolati, ed un maggiore controllo sui contratti applicati ai lavoratori impiegati negli appalti".