Rossi a Bruxelles: sì a transizione verde, ma non paghino lavoratori

Bla

Roma, 21 gen. (askanews) - "Sì alla transizione verde e al Green New Deal. Ma non sottovalutiamo l'impatto che potrà avere su occupazione e mondo del lavoro. Se la transizione non sarà governata, il rischio è che a pagare siano i lavoratori e i ceti popolari". Lo ha detto a Bruxelles il presidente della Toscana Enrico Rossi, in qualità di vicepresidente della Crpm (Conferenza delle Regioni marittime), nel corso del dibattito con la commissaria Ue Elisa Ferreira alla Commissione REGI.

"Sono d'accordo con le considerazioni della commissaria Ue alla coesione Ferreira quando dice che le politiche e i fondi della coesione devono integrarsi con i cofinanziamenti regionali e degli stati centrali in direzione della conversione ecologica, del Green New Deal. Lo stesso deve valere anche per le banche, attraverso una politica complessiva". Rossi ha poi aggiunto, esprimendo qualche preoccupazione, che "i fondi che vanno alle Regioni vanno indirizzati al Green New Deal: fondi per la ricerca, per l'innovazione, per la formazione e anche per l'agricoltura. Sono preoccupato perchè sento parlare di risorse fresche, ma dove si prenderanno? Rispetto ai grandi impegni che derivano da una transizione ecologica non si deve ridiscutere in Europa anche della possibilità di una tassazione europea?"

(segue)