Rossi: invito chi è del Pd a non andare alla Leopolda

Xfi

Firenze, 15 ott. (askanews) - "Invito tutti coloro che la pensano come me, non pochi a sinistra per la verità, a entrare nel Pd, a prendere la tessera, e a disertare se possono la Leopolda perché quello è un altro partito, dichiaratamente espresso". Lo ha detto Enrico Rossi, presidente della Regione Toscana, rispondendo ai giornalisti.

"Gli altri se ci vanno li rispetto lo stesso, non c'è nessun problema - ha aggiunto Rossi - ma è l'evento di un altro partito, e non ci vado. Chi vuole andarci per vedere è per me rispettabilissimo, come chi non ci va. Questa corsa a definire chi va e chi non va mi sembra che sia come quello che diceva 'mi si vede di più se ci vado o se non ci vado?'".

"Renzi sta costruendo il suo partito: secondo me bisogna stare attenti ad una 'scissione a rate', perché questa è la sua abile mossa, quella di non rompere in un colpo, ma di rompere a colpi, di portar via, di drenare forze al Partito Democratico", ha proseguito il presidente della Regione Toscana. "Renzi fa il suo, e anche noi dovremmo fare il nostro il Pd dovrebbe definire meglio, come ho detto molte volte, il suo profilo politico-culturale, la sua identità. Io sono ancora convinto che le idealità di fondo del socialismo siano fondanti di un partito di sinistra: sono uscito e ho sbagliato, sono rientrato, e dentro questo partito - ha concluso Rossi - dirò queste cose finché questo partito mi ci tiene".