Rosy Bindi: "Tempo di una donna al Quirinale, ma non sarò io"

·2 minuto per la lettura
BOLOGNA, ITALY - SEPTEMBER 11: Italian Government ex-Minister for health Rosy Bindi attends a public debate at PD Party National Convention on September 11, 2021 in Bologna, Italy. (Photo by Roberto Serra - Iguana Press/Getty Images) (Photo: Roberto Serra - Iguana Press via Getty Images)
BOLOGNA, ITALY - SEPTEMBER 11: Italian Government ex-Minister for health Rosy Bindi attends a public debate at PD Party National Convention on September 11, 2021 in Bologna, Italy. (Photo by Roberto Serra - Iguana Press/Getty Images) (Photo: Roberto Serra - Iguana Press via Getty Images)

“Siccome so che non accadrà, non sono neanche accompagnata dalla preoccupazione e dai polsi che tremano solo all’idea di dover ricoprire una responsabilità così alta”: Rosy Bindi si dice “gratificata” dal fatto che il suo nome venga accostato al Quirinale, ma è certa che non sarà lei il prossimo capo dello Stato. “Non accadrà” neanche di vedere Silvio Berlusconi al Colle, “credo che anche chi lo sta proponendo sappia che è necessario un profilo del presidente della Repubblica non sovrapponibile alla persona e alla storia di Silvio Berlusconi”. È tempo invece di eleggere una donna, “lo ripeto da anni fino alla noia. E trovo siano un’anomalia gli appelli in tal senso, dovrebbe essere normale prendere in considerazione questa ipotesi”.

Quanto ai protagonisti di questi giorni, Bindi concorda con la posizione tenuta da Sergio Mattarella di indisponibilità a una rielezione - pur auspicando che il prossimo capo dello Stato “continui la sua opera, con il suo stile, la sua imparzialità e il suo rispetto della Costituzione” - mentre ritiene che Mario Draghi “dovrebbe fare il premier: è in quel ruolo che, dato il disegno istituzionale del nostro paese e dell’Europa, può diventare il nuovo punto di riferimento europeo nel dopo Merkel. Ne ha bisogno l’Italia e ne ha bisogno l’Europa. Sicuramente fino alla prossima scadenza elettorale, dopo chissà”. Anche perché “il suo passaggio da Palazzo Chigi al Colle darebbe vita ad una nuova prassi costituzionale che richiederebbe grande equilibrio. Sarebbe un passaggio inedito e non si deve rischiare di approdare a un semipresidenzialismo di fatto: quando sento dire da Giorgetti che Draghi guiderebbe il convoglio anche da lì, penso che ciò non debba accadere. La Costituzione formale non deve essere alterata dalla Costituzione materiale”.

Sul Pd, infine, Bindi dice che c’è “bisogno di una nuova proposta del centrosinistra, che risulti nettamente alternativa al centrodestra e questo non può farlo questo governo, condizionato dal percorso del Pnrr. Il Pd deve distinguersi sulle grandi sfide dell’immigrazione, della lotta alle disuguaglianze, dei beni comuni”.

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli