Rotondi: centrodestra proponga Berlusconi presidente repubblica -2-

vgp

Roma, 6 feb. (askanews) -

Le elezioni in Emilia Romagna, d'altro canto, pongono in luce un calo notevole dei consensi per la Lega di Salvini , il quale, spavaldamente, affermava di aver già vinto e di aver sottratto alla sinistra il suo feudo storico. Non si può negare, pertanto, che il colosso creato da Salvini abbia subito un notevole ridimensionamento. Ritiene probabile, considerati gli eventi, un indebolimento della Lega e l'inizio della sua crisi politica, che, senza alcun dubbio, potrebbe consentire una modifica dello scenario politico, tale da permettere l'affermazione del Partito Popolare Italiano?

La Lega ha preso il posto di Forza Italia nelle regioni del Nord. Le cause sono molteplici. Provo a elencare le principali: la storica assenza di Forza Italia sui territori, la volatilità del suo modello di partito; la linea politica compromissoria degli azzurri al tempo dei governi Monti e Letta; la cessione, una a una, della guida delle principali regioni alla Lega, con conseguente trasferimento del voto di potere dagli azzurri ai verdi. Questo fenomeno non è irreversibile, tant'è che proprio al Nord la Lega inizia ad accusare una flessione di consenso. Ma l'alternativa non è a sinistra, dove il voto leghista non si dirigerà mai; l'alternativa è un Centro Popolare che buchi la bolla speculativa del sovranismo ma dia risposte alle esigenze sociali ed economiche che lo alimentano.

Il M5S è in declino, come evidenziano le elezioni in Emilia Romagna ed in Calabria. Tale declino non si esclude possa creare seri problemi all'attuale governo giallorosso. Il M5S, a Suo parere, potrebbe riaffermarsi nuovamente, oppure ritiene più probabile che l'esecutivo possa crollare? Se dovesse verificarsi la sua caduta in tempi brevi, il Partito Popolare Italiano,appena costituitosi, avrebbe già le energie necessarie, nonché le risorse, per poter affrontare una campagna elettorale a livello nazionale?

Il partito popolare non è pronto per nuove elezioni, la sua crescita chiede tempo e per noi non è un male se la legislatura dura ancora un po'. Naturalmente il governo durerà o cadrà a prescindere dalle nostre preferenze, e a seconda della sua capacità di dettare l'agenda o subirla.

(Segue)