Rotondi: resto in gruppo Fi, lavoro per cantiere del Centro

Pol-Afe

Roma, 2 nov. (askanews) - "Non partecipo alle beghe del centrodestra, non mi interessano le trattative con Salvini e le tentazioni gruppettare. La miglior furbizia è la chiarezza: ho detto a Silvio già a Natale che i cattolici non potranno sostenere Salvini. Resto nel gruppo di Forza Italia perché ne ho il dovere e francamente anche il piacere. Con molta schiettezza dico che sono un operaio del cantiere di Centro che si contrapporrà a Salvini. Il cantiere è pieno di fervore,il tempo lo abbiamo, stiamo testando due o tre alternative per la premiership". Così Gianfranco Rotondi presidente della fondazione Dc e vicepresidente del gruppo di Fi alla Camera smentisce le manovre per un nuovo gruppo parlamentare centrista.

"So che molti sorrideranno di questa mia dichiarazione esattamente come io sorrisi della candidatura di Romano Prodi lanciata a Parma nella primavera del 1995. Un anno dopo Romano era a palazzo Chigi", conclude.