Rousseau, voto sul governo M5S-Pd

webinfo@adnkronos.com

"Sei d'accordo che il M5S faccia partire un governo, insieme al Partito Democratico, presieduto da Giuseppe Conte?". E' il quesito su cui i 115.372 iscritti dovranno dare una risposta sulla piattaforma Rousseau per la consultazione on line in merito alla partecipazione del MoVimento a un governo con il Pd. Il risultato - si vota dalle 9 alle 18 - è stato definito "determinante" da Luigi Di Maio. 

Nelle prime due ore (dalle 9 alle 11) hanno votato 29.781 iscritti certificati, rende noto l''Associazione Rousseau' su Facebook. "Abbiamo gestito 24.000 connessioni in contemporanea con picchi di 1.200 richieste al secondo. Si tratta di un record storico per Rousseau: un traffico addirittura 10-12 volte superiore rispetto a quello del primo turno di votazioni per la scelta dei candidati alle europee". IL VOTO - "Nelle prime fasi di voto, l'elevato afflusso di utenti sul sistema ha causato dei piccoli rallentamenti nell'ordine dei secondi; tuttavia è stato garantito il regolare svolgimento delle votazioni. In considerazione dell'elevato afflusso, grazie al nuovo sistema di voto è stato possibile scalare in tempo reale l'infrastruttura sottostante (numero di nodi, scaling dei servizi di backend, capacità computazionale del Db) andando a soddisfare tutte le richieste" ha aggiunto l'associazione. 

"Decine di migliaia di iscritti al Movimento 5 Stelle prenderanno una decisione davvero importante. Piaccia o meno questa è l'ennesima vittoria di Gianroberto. Buon voto a tutti!" scrive Alessandro Di Battista su Facebook, prima della consultazione on line che ha fatto registrare qualche disagio . Numerosi iscritti, tra cui anche diversi parlamentari del MoVimento, hanno segnalato difficoltà nell'accesso all'area voto del sistema operativo, forse a causa delle troppe visite sul sito. A stretto giro la precisazione pentastellata: "Nessun problema sulla piattaforma Rousseau. Smentiamo quando scritto dai media. Basta collegarsi al link corretto per rendersi conto che procede tutto in maniera regolare".  

"Quello che stiamo vivendo - si legge poi sul Blog delle Stelle, in un post che sottolinea l'importanza della consultazione - è un momento molto delicato per il Paese. E va affrontato mettendo al centro gli interessi e le esigenze dei cittadini, della comunità che tutti insieme formiamo".  

IL PROGRAMMA - Il MoVimento 5 Stelle "è post ideologico, basa l'azione politica sui temi e non sulle persone o sulle poltrone. Siamo disponibili a impegnarci - al fianco del presidente Conte - per mantenere le nostre promesse e tutelare gli interessi dei cittadini, a condizione che gli interlocutori con cui necessariamente occorre dialogare per portare avanti un programma per il Paese, tengano fede agli impegni assunti dinanzi agli italiani, prima ancora che al MoVimento 5 Stelle". 

"A nostro avviso - continua il Blog delle Stelle - esistono delle necessità per il Paese non rinviabili: innanzitutto tagliare 345 parlamentari, una riforma che l'Italia aspetta da molti anni giunta alla quarta lettura e fermata dal tradimento della Lega". 

AUMENTO IVA - "Abbiamo inoltre il compito di impedire l'aumento dell'Iva, ma anche di lavorare a tanti temi decisivi che il nostro capo politico Luigi Di Maio ha illustrato qualche giorno fa dopo le consultazioni al Quirinale: taglio delle tasse, tutela del lavoro, avvio di un grande programma di investimenti per la tutela ambientale (green new deal) e per l'economia circolare, lotta alla criminalità organizzata, tutela e valorizzazione dei nostri beni comuni". 

"Queste, come altre questioni determinanti per il presente e il futuro del Paese, aspettano delle risposte e delle soluzioni", conclude il Blog, allegando al temine del post sull'importanza del voto iniziato alle 9, anche il programma di governo da realizzare. 

LA SQUADRA - E proprio per quanto riguarda squadra e programma per l'eventuale governo giallorosso, "abbiamo fatto passi in avanti ma il lavoro deve essere ancora completato" fanno sapere dal Pd al termine dell'incontro di lunedì con i capigruppo pentastellati e Conte, che torneranno a vedersi nel pomeriggio, di nuovo a palazzo Chigi, per completare il lavoro.