Ruba mascherine e Amuchina in corsia, arrestato tecnico ospedale

Sav

Roma, 13 mar. (askanews) - Con l'accusa di peculato i carabinieri del Nas di Taranto hanno arrestato ieri, in flagranza all'ospedale "Antonio Perrino" di Brindisi, un assistente tecnico del U.O.C. di Nefrologia e Dialisi, dipendente della ASL locale: nel corso di un controllo lo hanno sorpreso mentre si appropriava indebitamente di farmaci, materiale sanitario e presidi medico-chirurgici di provenienza ospedaliera.

All'interno della sua autovettura sono stati trovati una confezione di mascherine chirurgiche monouso senza fibra di vetro nel numero di 50 pezzi; una confezione da 200 pezzi di guanti in nitrile; una confezione di Amuchina med flacone da 500 ml riportante le indicazioni 'confezione ospedaliera'; una confezione del farmaco Sodio cloruro iniettabile da 250 ml; diverse confezioni di dispositivi medici del tipo ago cannula, garze idrofile sterili; una confezione del farmaco anestetico Propofol kabi.

Durante una perquisizione a casa dell'uomo, i carabinieri hanno poi trovato altro materiale sanitario: 26 mascherine chirurgiche monouso prive di imballaggio; un flacone da 1000 ml di Neomedil 0,25%+70% soluzione cutanea; un flacone da 500 ml di Demosept; un flacone da 250 ml di sodio cloruro; 2 confezioni da 50 mascherine chirurgiche monouso; una confezione di 200 guanti monouso in nitrile; 11 presidi per medicazione adesiva.

In relazione a quanto accertato, ritenuta la gravità dell'evento verificatosi nell'attuale contesto di particolare rilevanza sociale quale è l'emergenza da coronavirus, l'assistente tecnico è stato posto ai domiciliari.

Il magistrato ha disposto l'immediata restituzione di quanto sottratto al direttore sanitario dell'ospedale.