Ruby ter: arringa Coppi slitta per impedimento giudice, udienza 2/11 solo per rinvio

default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Milano, 31 ott. (Adnkronos) – Slitta l'arringa di Franco Coppi, avvocato difensore di Silvio Berlusconi. L'udienza del processo Ruby ter del 2 novembre a Milano servirà solo a fissare una nuova data. Un cambio di programma dovuto a un impedimento di un giudice che fa cambiare anche il luogo dell'udienza: trattandosi solo di un rinvio si celebrerà in tribunale, non nell'aula bunker utilizzata nell'ultimo periodo a causa del Covid.

Lo scorso maggio il procuratore aggiunto di Milano Tiziana Siciliano e il pm Luca Gaglio avevano chiesto una condanna a 6 anni di reclusione per l'ex premier imputato per corruzione in atti giudiziari.

Nell'ultima udienza, invece, l'altro difensore del leader di Forza Italia, l'avvocato Federico Cecconi ha sostenuto l'innocenza del suo assistito: non solo non ci sarebbe stata alcuna corruzione da parte del Cav dei testimoni dei processo Ruby e Ruby 2, ma coloro che, secondo la procura di Milano, avrebbero ricevuto soldi non erano neppure dei testimoni, perché tecnicamente dovevano essere sentiti come indagati. Quella di Coppi sarà l'ultima udienza dedicata alle difese dei 29 imputati, prima delle repliche e delle controrepliche: l'ultima data fissata dal tribunale di Milano è quella del 25 gennaio 2023 quando potrebbe arrivare la sentenza.