Ruby Ter, Berlusconi: "Processo vada avanti in mia assenza"

·1 minuto per la lettura
(Photo: Stefano Montesi - Corbis via Getty Images)
(Photo: Stefano Montesi - Corbis via Getty Images)

Per Silvio Berlusconi la decisione dei giudici di Milano del caso Ruby ter di sottoporlo a una “illimitata perizia psichiatrica” è “lesiva della mia storia e della mia onorabilità”, oltre che un “evidente pregiudizio nei miei confronti”.

Lo scrive l’ex premier in una dichiarazione depositata al presidente del collegio, spiegando che “non posso quindi accettare questa decisione” e affermando che “si proceda, dunque, in mia assenza alla celebrazione di un processo” che definisce “ingiusto”.

La decisione dei giudici è stata presa dopo le numerose richieste di rinvio delle udienze da parte dell’ex premier per legittimo impedimento. Berlusconi infatti è stato ricoverato più volte al San Raffaele negli ultimi mesi, con il rinvio di quattro udienze di seguito. Il presidente di Forza Italia è imputato per corruzione in atti giudiziari.

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli