Ruby ter: difesa Espinosa, 'sconcerta parlare di chi va a letto con chi, basta moralismi'

default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Milano, 20 lug. (Adnkronos) – "Puoi andare a letto con chi vuoi e trovo abbastanza sconcertante che se ne debba parlare in un'aula in cui si parlava degli assassini di Walter Tobagi, in cui hanno sfilato i capi della 'ndrangheta e ci sono stati altri processi terribili. Dobbiamo discutere di cosa fa qualcuno nella camera da letto? Siamo nel 2022, a me non frega nulla". Sono le parole usate in aula dal'avvocato Ivano Chiesa che difende Aris Espinosa (4 anni la richiesta della procura) e Ioana Visan (3 anni e 6 mesi), due delle ragazze imputate nel processo Ruby ter, che avrebbero reso falsa testimonianza sulle cene di Arcore.

"Sono un uomo semplice, se io sparo a un morto è un omicidio? No. Come fa a esistere la falsa testimonianza di un non testimone?" tuona in aula il difensore che si scaglia contro la decisione della procura di chiedere, durante la requisitoria, la revoca dell'ordinanza con cui il tribunale di Milano, lo scorso 3 novembre, ha dichiarato inutilizzabili le testimonianze di alcune ex olgettine rese nel processi Ruby e nel Ruby bis che rischiano di 'azzoppare' parte delle accuse a carico dei 29 imputati di questo processo, tra cui Silvio Berlusconi.

"Da quando difendo Fabrizio Corona il moralismo zampilla, ma se entra nelle aule esce la giustizia. Un comportamento moralmente deprecabile non è per forza un reato. C'è una percentuale di moralismo altissimo, il pm parla di odalische e sultano, ma cosa c'entra in una dichiarazione tecnica? Sono schiavi del sesso o prostitute? Se una è maggiorenne va a letto con chi vuole e non c’è problema". Il difensore rivendica che si parli di cose rilevanti in un'aula di giustizia e chiede l'assoluzione delle sue assistite "perché il fatto non sussiste".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli