I russi hanno bombardato lo zoo di Kharkiv e ucciso gli animali

·3 minuto per la lettura
Feldman EcoPark Kharkiv

AGI - Lo zoo di Kharkiv in Ucraina è stato bombardato e distrutto. Lo dice alla Bbc Vitaly Ilchenko, il direttore del parco zoologico diffuso su circa 355 acri che ospitava oltre 2.000 animali. Lo zoo sarebbe stato colpito da cinque missili russi che avrebbero ucciso e ferito diversi animali.

"Purtroppo, dopo il bombardamento, alcune delle barriere di vetro dei recinti di primati e di piccoli predatori sono state danneggiate e gli animali spaventati sono scappati" ha scritto Ilchenko su Facebook, "Scimmie, porcospini e procioni sono stati restituiti, ma un paio di lupi rossi hanno lasciato il Feldman Ecopark. Abbiamo provato ad attirarli in un'esca, ma gli animali non ci hanno permesso di avvicinarci abbastanza. Non abbiate paura di loro: sono animali della taglia di una volpe e non rappresentano un pericolo per l'uomo. Gli animali sono spaventati e hanno una grande mobilità. Molto probabilmente, staranno vicino ai bidoni della spazzatura. Difficile prenderli perché sono spaventati e, come detto, molto mobili. Per favore se vedete questi animali simili a volpi segnalateceli su Facebook o Instagram. Con tempo e indirizzo. Per quanto possibile, cercheremo di mandare persone a salvare gli animali. Nel caso, non avvicinatevi e non cercate di prenderli da soli, sono piccoli, ma predatori, hanno paura".

Fin dal primo giorno di combattimenti i dipendenti dello zoo hanno rilasciato caprioli, cervi e alci nella parte boschiva del parco per dare loro più libertà di movimento e tenerli lontani dai colpi dell'artiglieria.

"Voglio ringraziare personalmente tutti per il sostegno, la simpatia e le belle parole. Decine e centinaia di persone ci scrivono chiedendo come possono aiutarci. Stiamo pensando a una raccolta fondi per riparare ciò che è stato costruito così amorevolmente in 10 anni e distrutto in un giorno. Qualsiasi aiuto sarà molto apprezzato" ha aggiunto il direttore del parco, "Agli zoo europei chiediamo nuovi animali, ai residenti di Kharkov di offrirsi volontari per il cantiere a tutti gli altri ucraini assistenza finanziaria. Ma soprattutto ora voglio ringraziare ogni dipendente che è uscito dai rifugi per sfamare i nostri animali, fornire loro la vita confortevole a cui sono abituati, rassicurarli con la loro voce familiare.  So per certo che dopo la guerra e la costruzione faremo una grande festa al Feldman Ecopark. Festa della vittoria e della pace. Auguro che tutti coloro che leggono questo testo siano al sicuro ora e che presto si sveglino non al suono delle bombe, ma all'abbraccio delle persone care, alle fusa dei gatti e al canto degli uccelli".

I primi abitanti del Feldman Ecopark nel 2011 furono cavalli, asini, pony, pecore, lama, oltre a tacchini, oche e conigli. Senza eccezioni, tutti gli animali dell'Ecopark vivevano in spazi aperti, dove gli ospiti potevano entrare liberamente. Nel primo anno di attività. 300 mila persone visitarono il parco. Dall'anno successivo la collezione di animali aumentò a 200: oltre a pollame e ungulati, nell'Ecopark arrivarono bellezze esotiche come i pavoni indiani, le capre del Camerun, tigri dell'Amur e scimpanzé.

Nel 2014 fu superato il traguardo dei 1.000 animali e iniziò la collaborazione con altri zoo in un programma di scambio gratuito. Il numero di visitarori superò il milione e duecentomila. A fine 2015, la collezione contava 2.000 animali di 200 specie. con la più grande collezione di primati in Ucraina: 180 individui di 30 specie.

 

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli