Russia alle urne per referendum che incorona Putin zar fino al 2036 -2-

Bea

Roma, 24 giu. (askanews) - Mentre oggi in uno sfoggio di potenza e di orgoglio nazionale, sulla piazza Rossa di Mosca sono sfilati i carri armati per la parata della Vittoria rinviata dal 9 maggio a causa dell'epidemia di coronavirus, la Russia continua a essere flagellata dal Covid-19, con circa settemila nuovi casi al giorno. Per questo il voto si svolger su pi giorni, con misure di distanziamento sociale, mentre per incentivare la presenza alle urne alcuni dirigenti hanno promesso buoni omaggio agli elettori. Il voto era inizialmente previsto per il 22 aprile, ma l'epidemia ha scombinato una coreografia attentamente preparata, avviata a gennaio con il lancio a sorpresa delle modifiche costituzionali e l'uscita di scena del premier Dmitri Medveded, spalla di lungo corso di Putin sostituito a tempo record dal relativo sconosciuto Mikhail Mishustin.

Il presidente ha scelto di accelerare, nonostante l'emergenza coronavirus, sulla grande consultazione popolare che ne perpetuer il potere per fermare la catena di cattive notizie che lo inseguono da qualche tempo. Il Paese si affaccia sul baratro di una profonda recessione provocata dal lockdown e dalla caduta dei prezzi del greggio e ad aprile la popolarit di Putin ha toccato il minimo dal 1999 del 59%.

L'opposizione ha immancabilmente attaccato la riforma voluta dal Cremlino. Il leader degli oppositori extraparlamentari, Alexei Navalny, ha invitato i suoi sostenitori a non votare al referendum, mentre il partito comunista, solitamente schierato a fianco del potere, ha chiesto ai suoi elettori a votare no per opporsi a un rafforzamento della "dittatura presidenziale". In una lettera aperta a marzo, oltre 400 accademici, giornalisti e giuristi hanno messo in guardia contro "una crisi costituzionale e un golpe pseudo-legale, incostituzionale".(Segue)