Russia, Amnesty condanna repressione opposizioni -2-

Red/Mgi

Roma, 27 lug. (askanews) - "Ma gli arresti amministrativi non sono l'unico strumento usato dal governo. Da ieri, molti attivisti e candidati dell'opposizione sono indagati sulla base di un confuso articolo del codice penale. Nelle ultime ore, diversi candidati che desideravano presentarsi alle elezioni hanno subito la perquisizione delle loro case o sono stati convocati per un interrogatorio. Il messaggio è chiaro: smetti di parlare".

"È scandaloso che le autorità russe si sentano così incoraggiate a far tacere le voci critiche. I diritti alla libertà di espressione e all'assemblea pacifica sono sanciti dal diritto internazionale dei diritti umani e devono essere rispettati ovunque". (Segue)