Russia, blogger condannato a 5 anni per "incitamento all'odio" -2-

Fth

Roma, 3 set. (askanews) - Secondo gli investigatori, citati da Interfax, il blogger detenuto dal 5 agosto, aveva pubblicato un tweet il 31 luglio con lo pseudonimo di "Max Steklov" in cui chiamava "un gran numero di persone a compiere atti illegali di natura violenta nei confronti dei figli delle forze di ordin".

Il tweet in questione, secondo il canale dell'opposizione Dojd, chiedeva di "studiare la geolocalizzazione" delle foto di famiglia della polizia su Internet. "Quindi, un giorno, il figlio del valoroso difensore dell'ordine non torna da scuola. E invece, riceviamo per posta un CD con un filmato su di esso. Il blogger ha descritto le sue osservazioni come "violente e non etiche", ma ha negato qualsiasi appello ad atti reali.(Segue)