Russia colpisce fabbrica missili e strutture produzione gas in Ucraina

Il primo ministro ucraino Denys Shmyhal durante una conferenza a Berlino

KIEV (Reuters) - La Russia ha sferrato nuovi attacchi missilistici contro importanti infrastrutture in Ucraina, colpendo impianti di produzione del gas e uno stabilimento per la produzione di missili, secondo quanto hanno riferito dai funzionari ucraini.

Esplosioni sono state avvertite in diverse parti del Paese, tra cui il porto meridionale di Odessa, la capitale Kiev e la città centrale di Dnipro, e i civili sono stati esortati a cercare rifugio mentre venivano lanciati allarmi di raid aerei.

Il primo ministro Denys Shmyhal ha detto che tra gli obiettivi c'era anche la grande fabbrica di missili Pivdenmash a Dnipro.

"I missili stanno sorvolando Kiev in questo momento. Ora stanno bombardando i nostri impianti di produzione di gas, le nostre imprese di Dnipro e Pivdenmash", ha detto durante una conferenza Shmyhal secondo quanto riportato dall'agenzia di stampa ucraina Interfax.

Non è chiaro a quali impianti di produzione di gas il primo ministro ucraino facesse riferimento.

I funzionari locali hanno detto che due persone sono state uccise in un attacco missilistico nella notte nella regione sud-orientale di Zaporhizhzhia, tre sono state ferite in un attacco alla città nordorientale di Kharkiv e altre tre sono state ferite a Odessa.

(Tradotto da Chiara Scarciglia, editing Francesca Piscioneri)