Russia e Germania potrebbero unirsi nella produzione di vaccini

·1 minuto per la lettura

AGI -  Il presidente russo, Vladimir Putin, e la cancelliera tedesca, Angela Merkel, discutono della possibile produzione congiunta di vaccini contro il Covid-19. Lo ha reso noto il servizio stampa del Cremlino, come riportano le agenzie russe.

"Sono state discusse le questioni della cooperazione nella lotta alla pandemia, con un accento sulle possibili prospettive di una produzione congiunta di vaccini", si legge nella nota che riferisce della comunicazione tra i due leader, "si è deciso di continuare i contatti su questo argomento tra i ministeri della Salute". 

Stando alle anticipazioni dei media tedeschi, il governo Merkel insieme ai Laender intende trovare le modalità per trovare nuovi centri di produzione allo scopo di aumentare il ritmo delle vaccinazioni (stando agli ultimi dati del Robert Koch Institut, siamo a quasi 266 mila somministrazioni nella Repubblica federale). L'altro tema in discussione è quello di individuare nuove regole di vaccinazioni unitarie per tutti i Laender.      

Si è tenuto un vertice del governo insieme ai governatori dei Laender, presieduto dalla cancelliera Angela Merkel, per decidere nuove misure anti-Covid. Seguirà prossimamente un'ulteriore riunione alla quale parteciperanno anche il ministro alla Salute Jens Spahn, quello all'Economia Peter Altmaier e il responsabile alle Finanze Olaf Scholz per individuare i centri in cui il governo può sostenere una produzione aggiuntiva di vaccino. A quanto scrive la Sueddeutsche Zeitung, già a febbraio potrebbe essere avviata la produzione nel nuovo impianto della BioNTech a Marburgo, acquisito di recente.