Russia: fermato da commando forze sicurezza sciamano anti Putin

webinfo@adnkronos.com

Lo sciamano della Yakutia russa che la scorsa primavera ha dato il via a una marcia anti Putin, "per andare a buttare fuori Putin dal Cremlino", è stato fermato da alcune decine di uomini in divisa, armati e con il volto coperto. Il commando ha fatto irruzione la scorsa notte in un accampamento allestito da Aleksandr Gabyshev, e dal gruppetto di suoi sostenitori che ha iniziato a seguirlo lungo il percorso, vicino alla località di Vydrino, nella regione della Buryatia, in Siberia, non lontano dal lago Baikal. Le forze russe hanno rispedito Gabyshev in Yakutia, dove, come ha spiegato la polizia, è "ricercato per aver commesso un reato".  

Gabyshev, che ha 51 anni ed è originario di Sakha, da dove ha iniziato il suo viaggio, aveva anticipato che gli sarebbero serviti due anni per arrivare a Mosca. Putin è per lui "una emanazione delle forze oscure" contro cui solo i poteri di uno sciamano possono fare qualcosa. Nel tragitto che ha fatto fino a ora, 2mila chilometri, ha incontrato e parlato con decine di autisti di tir e altri viaggiatori. I video di questi incontri stanno raccogliendo milioni di visualizzazioni sulle piattaforme sociali.  

All'inizio del mese, gli sciamani della Buryatia riuniti nell'organizzazione Tengeri avevano cercato di fermarlo, dicendo che se proseguiva il suo viaggio verso Mosca non sarebbe più stato considerato come uno sciamano. 

Gabyshev aveva evitato di attraversare la capitale della regione, Ulan-Ude, dopo la proibizione dei suoi 'colleghi', ma aveva proseguito la marcia, anche se la polizia aveva fermato alcuni suoi sostenitori nella città. Anche per questo, il 9 settembre, alcune centinaia di persone sono scese in piazza per protestare sia contro la vittoria "truccata" del candidato filo Cremlino Igor Shutenkov, che per chiedere il rilascio dei sostenitori dello sciamano. Shutenkov ha sconfitto il candidato del Partito comunista, Vyacheslav Markhaev, che aveva criticato gli interventi violenti delle forze dell'ordine contro le proteste di Mosca nell'estate. Anche Markhaev aveva partecipato alla protesta spontanea di Ulan-Ude.  

A luglio, nella città di Chita, 700 persone si erano riunite per accogliere lo sciamano con lo slogan "Russia senza Putin". "Dio mi ha suggerito che Putin non è umano, ma un demonio. Dove arriva lui, ci sono cataclismi e atti di terrorismo. Per questo, Dio e mi ha ordinato di andare a buttarlo fuori. Una volta che se ne sarà andato, ci saranno mille anni di pace e prosperità", aveva detto, con indosso una t-shirt di Che Guevara, assicurando di voler procedere nella sua impresa solo con mezzi pacifici.