Russia, mobilitazione, in decreto Putin una clausola è secretata

Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 21 set. (askanews) - C'è una clausola secretata nel decreto firmato da Vladimir Putin sulla mobilitazione parziale in Russia per la guerra in Ucraina che impone il reclutamento di almeno 300.000 persone. Si tratta del punto numero 7. Nella versione del decreto pubblicata sul sito del Cremlino viene semplicemente omesso e si passa dal punto 6 all'8. E nella versione del decreto, che viene pubblicata sul sito della gazzetta ufficiale russa, si legge che questo articolo è "ad uso di servizio" (vedi foto).

Non è noto dunque quanto contenuto nel punto 7 del documento. Al punto 6 vi è l'ordine di Putin al governo della Federazione Russa di "finanziare attività di mobilitazione parziale" e "adottare le misure necessarie per soddisfare le esigenze delle forze armate della Federazione Russa, di altre truppe, formazioni e organismi militari durante il periodo di mobilitazione parziale".

Al punto 8 invece che sono "le più alte autorità" regionali, ossia i governatori, che "assicurano" la chiamata alle armi "dei cittadini per il servizio militare per la mobilitazione nelle Forze armate della Federazione Russa nel numero e nei termini stabiliti dal Ministero della Difesa".