Russia, per chiesa ortodossa chi non si vaccina contro Covid è un peccatore

·1 minuto per la lettura
Una donna riceve una dosa del vaccino Sputnik V (Gam-COVID-Vac) in un centro commerciale che funge da hub vaccinale a Omsk

MOSCA (Reuters) - La potente chiesa ortodossa russa ha ammonito i fedeli che rifiutano il vaccino contro il Covid-19, definendoli peccatori che dovranno fare ammenda per il resto della vita, mentre il Paese registra un nuovo balzo di contagi e decessi per il virus.

La chiesa ha esortato tutti i fedeli a vaccinarsi mentre si registrano 24.353 nuovi casi di Covid-19, di cui 6.557 a Mosca, portando il totale dei contagi da inizio pandemia nel Paese a oltre 5,6 milioni.

La task force del governo che si occupa del coronavirus ha reso noto che 654 persone sono morte per cause legate alla malattia nelle ultime 24 ore, portando il totale delle vittime a 138.579.

L'agenzia nazionale di statistica conduce un'indagine separata secondo la quale risulta che la Russia ha registrato circa 270.000 decessi legati al Covid-19 tra aprile 2020 e aprile 2021.

Parlando alla tv di Stato l'arcivescovo Hilarion, presidente del Dipartimento delle relazioni esterne del patriarcato di Mosca, ha affermato che chi rifiuta il vaccino commette "un peccato per cui si dovrà fare ammenda per tutta la vita".

L'arcivescovo russo ha inoltre affermato: "Assisto quotidianamente a situazioni in cui le persone si recano dal prete per confessare di aver rifiutato il vaccino per sé o un proprio caro e hanno involontariamente provocato la morte di qualcuno".

"...Il peccato è pensare a se stessi ma non al prossimo".

(Tradotto in redazione a Danzica da Michela Piersimoni, in redazione a Milano Gianluca Semeraro, michela.piersimoni@thomsonreuters.com, +48 587696616)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli