Russia, risultati ufficiali delle elezioni

·1 minuto per la lettura

Russia Unita sopra i due terzi dei seggi, i comunisti al secondo posto, e l'opposizione di fatto scomparsa dal quadro politico. La Commissione elettorale nazionale di Mosca ha presentato i risultati ufficiali delle elezioni legislative del 17 settembre. Solo cinque forze politiche hanno superato lo sbarramento del 5 per cento,

Russia Unita, il partito del presidente Putin, seppur in calo rispetto alle consultazioni passate, si è confermato primo ottenendo la maggioranza qualificata, con 324 seggi. Secondi, ma distanziati, i comunisti, con 57 deputati. Seguono Solo Russia con 27 seggi, i liberaldemocratici con 21 e Nuovo Popolo, con 13. Infine, cinque candidati sono stati eletti senza il sostegno di alcuna lista.

Mentre l'opposizione al Cremlino evoca i brogli per spiegare il risultato, il presidente Putin definisce "positiva" la performace del suo partito, per il quale, solo qualche giorno prima del voto i sondaggi pronosticavano un crollo al minimo storico.

Sul riconoscimento internazionale del voto pesa il conflitto per la Crimea. L'Unione europea ha definito "illegale" la consultazione nella regione appartenuta all'Ucraina, mentre gli Stati Uniti, con un comunicato del Dipartimento di Stato, ha parlato di "elezioni svolte in condizioni non favorevoli a procedimenti liberi ed equi".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli