Russia, smalto con i colori della bandiera Ucraina: arrestata una donna di 46 anni

·2 minuto per la lettura
smalto bandiera ucraina arrestata
smalto bandiera ucraina arrestata

La propaganda russa riesce a convinvere molti cittadini, che credono alle parole di Putin. In tanti pensano che in Ucraina sia in atto solo una grande messa in scena, negando l’evidenza. Sembra assurdo, sicuramente irrispettoso, se si guardano i corpi senza vita lasciati per strada o gettati in fosse comune. Sembra atroce se si osservano le lunghe file di ucraini che fanno il possibile per lasciare la propria patria. È dolorosissimo se si pensa ai bambini innocenti vittime di un massacro annunciato, alle famiglie spezzate per sempre dagli orrori del conflitto. Non mancano i dissidenti: lo conferma il gesto della giornalista ucraina, l’insegnante che non si è omologato alla linea imposta dalla scuola, i manifestanti che preferiscono gli asterischi per dire “no alla guerra”. C’è chi sceglie forme silenziose di protesta, sventolando solo fogli bianchi in segno di contrarietà alla guerra in Ucraina. C’è anche chi ha affisso per le vie di San Pietroburgo qr code per scoprire le vere notizie sulla situazione nel Paese vicino. Poi c’è chi sceglie di manifestare la propria vicinanza all’Ucraina con la manicure: è il caso di Olga Dyachenko, che è stata denunciata e arrestata.

Smalto con i colori della bandiera ucraina: donna arrestata a Yalta

Una manicure che alterna i colori giallo e blu della bandiera ucraina e sull’anulare il rosso e il nero che farebbero riferimento ai nazionalisti ucraini di Pravda Sektor, organizzazione paramilitare bandita in Russia. Lo smalto non è passato inosservato e pare non sia stato affatto gradito da un cliente della sua agenzia di traduzioni. L’uomo ha sporto denuncia all’Fsb, il Servizio federale per la sicurezza della Federazione russa. Olga Dyachenko, 46enne di origine ucraine ma cittadina russa dal 2021, è stata convocata nella stazione di polizia a Yalta, dove vive. La donna poi è stata arrestata. In seguito all’interrogatorio, è stata rilasciata in attesa di giudizio.

Non c’è nulla di sospetto al riguardo: la mia è una normale manicure multicolore e chi ha sporto denuncia si è inventato tutto, ha dichiarato la donna in sua difesa. Inoltre, ha fatto sapere che la manicure era stata fatta due settimane prima “e fino ad allora nessuno se ne era preoccupato”. Dopo l’interrogatorio, ha rimosso lo smalto.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli