Russia, sondaggio: migliora opinione sugli Usa, peggiora sull’Ue

Red
·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 19 feb. (askanews) - I russi sono un po' meglio disposti nei confronti degli Usa rispetto all'anno scorso, mentre peggiora la loro valutazione dell'Unione europea. Lo rileva il Centro Levada, istituto demoscopico indipendente, secondo cui il 40% dei russi ha un buon atteggiamento nei confronti degli Stati Uniti, mentre il 43% ha un cattivo atteggiamento. Sulla scia delle crescenti tensioni, l'Ue raccoglie un 45% di buone opinioni mentre il 37% ha una visione negativa del club dei 27 Paesi europei.

Il sondaggio realizzato a fine gennaio, inizio febbraio, registra dunque un approccio più positivo dopo un lungo periodo di deterioramento per tutto il 2020. Secondo precedenti sondaggi, a novembre 2019 il 47% degli intervistati aveva un buon atteggiamento nei confronti degli Stati Uniti, per tutto il 2020 i 'positivi' hanno rappresentato il 35-42% mentre l'atteggiamento negativo del 40% a novembre 2019 era condiviso l'anno scorso dal 46-51%.

Gli Stati Uniti sono visti meglio dalle persone di età compresa tra 18 e 24 anni (59% degli intervistati) e 25-39 anni (49%). Tra le persone sopra i 55 anni, il 33% ha un atteggiamento positivo e il 53% negativo.

Allo stesso tempo, l'atteggiamento dei russi verso l'Unione europea si sta progressivamente deteriorando: il 45% ha una buona opinione dell'Ue mentre il 37% ce l'ha negativa. A novembre 2019, il 52% dichiarava un atteggiamento positivo e il 33% negativo.

I russi vedono più favorevolmente invece la Cina. Se nel gennaio 2020 il 65% degli intervistati aveva un atteggiamento positivo nei confronti di Pechino e il 24% - cattivo, all'inizio del 2021 le due percentuali sono rispettivamente del 75% positivo e 10%.