Russia, video Navalny dal carcere: attacca Putin, il re è nudo

Red
·2 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 29 apr. (askanews) - Un giudice di Mosca ha confermato oggi una condanna per diffamazione contro il critico del Cremlino in carcere Alexey Navalny, che si è unito all'udienza tramite videolink, nella sua prima apparizione pubblica da quando ha iniziato lo sciopero della fame. Dimagrito al punto di autodefinirsi "un orribile scheletro", Navalny è tornato ad attaccare il presidente Putin, evocando l'immagine del "Re nudo", lo sciocco sobrano della favola "I vestiti nuovi dell'imperatore" e ha accusato anche i pubblici ministeri che ha definito "traditori".

L'attivista è stato incarcerato a febbraio in un caso separato per violazione delle condizioni di libertà condizionata, nonostante si trovasse in Germania per riprendersi da un avvelenamento con l'agente nervino di grado militare Novichok quando è stato accusato di non aver denunciato agli ufficiali di libertà vigilata. Navalny incolpa il Cremlino per l'attentato alla sua vita, che il governo ha ripetutamente negato.

Navalny ha iniziato lo sciopero della fame il 31 marzo mentre era in prigione per chiedere cure mediche, ma lo ha concluso la scorsa settimana quando gli è stata finalmente prestata assistenza medica.

Ha parlato con sua moglie, Yulia Navalnya, che era fisicamente presente in tribunale, raccontandole i dettagli sul suo peso e su ciò che ha mangiato l'ultima volta. "Mi sono guardato. Sono solo uno scheletro orribile. L'ultima volta che ho pesato 72 chili ero probabilmente in seconda media", ha detto. Il suo avvocato ha detto che Navalny pesava 94 chilogrammi a gennaio, quando tornò a Mosca dalla Germania.

Navalny ha aggiunto di aver mangiato "quattro cucchiai di porridge al giorno, oggi cinque, domani ne mangerò sei".

"Vorrei dire che il re è nudo, e più di un ragazzino sta gridando al riguardo - ora sono milioni di persone che lo stanno già gridando. È abbastanza ovvio. ", ha detto Navalny di Putin, riferendosi anche alle proteste di massa antigovernative in Russia dopo la prigionia dell'attivista e durante il suo sciopero della fame.

"Il re nudo - ha aggiunto - vuole gove rnare fino alla fine, non gli importa del paese, è aggrappato al potere e vuole governare a tempo indeterminato", ha detto.