Russiagate, Conte: ho sempre operato nel rispetto della legge

Afe

Roma, 23 ott. (askanews) - "L'interlocuzione" con gli Usa "è avvenuta in piena legalità e correttezza, senza ledere affatto i nostri interessi nazionali" dunque "se tornassi indietro non farei e non potrei fare diversamente". Lo ha detto il presidente del Consiglio Giuseppe Conte, in conferenza stampa a Palazzo Chigi dopo l'audizione al Copasir sul Russiagate.

"Qualcuno - ha aggiunto - ha detto che avrei dovuto informare singoli ministri e leader politici di questa interlocuzione, io avverto la grande responsabilità quella dell'intelligence. Cerco di operare sempre nel rispetto della legge: il presidente del Consiglio ha l'alta direzione della politica dell'informazione per la sicurezza, non la divide con alcun ministro e non può dividerla con nessun leader politico. Se avessi informato persone non legittimate a ricevere questa informazione avrei violato la legge".

"Oggi - ha concluso Conte - sono stato quasi costretto a riferire, ho avvertito e avverto di dover chiarire davanti ai cittadini quel che ho già chiarito al Copasir".