Russiagate, Flynn. “Parlo, ma solo in cambio dell’immunità”

Michael Flynn è pronto a testimoniare ma solo in cambio dell’immunità. È stato il Wall Street Journal a rivelare, citando fonti ufficiali, che l’ex consigliere per la Sicurezza Nazionale di Trump è pronto a parlare davanti alle commissioni parlamentari che indagano sul “Russiagate” ma solo a questa condizione. L’ex generale avrebbe presentato questa offerta all’Fbi e ad alcuni parlamentari delle commissioni del Congresso che cercano di vederci chiaro sulle ingerenze russe nel processo elettorale statunitense e sulle sospette relazioni tra Trump e Mosca.

Nessuna richiesta di immunita è stata però ricevuta dal presidente della commissione Intelligence della Camera dei Rappresentanti, Devin Nunes. Flynn è stato costretto a dimettersi il 13 febbraio per aver avuto contatti con l’ambasciatore russo a Washington prima che diventasse consigliere per la sicurezza nazionale.

Usando Yahoo accetti che Yahoo e i suoi partners utilizzino cookies per fini di personalizzazione e altre finalità