Ryanair si scaglia contro il governo per la legge anti rave party

Ryanair
Ryanair

La nuova norma anti rave party, stabilita dal governo Meloni, sta facendo molto discutere. Ryanair ha attaccato direttamente il governo, lanciando una stoccata sui social network.

Legge anti rave party, Ryanair contro il governo

La nuova norma contro i rave party, voluta dal nuovo governo Meloni, sta facendo discutere moltissimo. Introduce il reato di invasione di terreni o edifici per raduni pericolosi per l’ordine pubblico, l’incolumità pubblica o la salute pubblica. La norma, però, sembra non riferirsi solo ai rave e fa discutere anche per la soglia massima di 50 persone, che ha scatenato diverse reazioni social e qualche frecciatina. Proprio come quella che Ryanair ha lanciato dal suo profilo Twitter, facendo notare che con questa norma anche un volo di 51 persone potrebbe diventare illegale.

La frecciatina di Ryanair contro il governo

Non è la prima volta che Ryanair fa commenti satirici su argomenti di attualità e non poteva certo risparmiare questa normativa sui rave party, che sta facendo molto discutere. Ha condiviso la foto del proprio aereo con una coda di passeggeri in attesa di salire, che potrebbe essere passibile di multa, visto che basterebbero 51 passeggeri per far diventare illegale l’assembramento sulla pista. Una provocazione che ha alimentato le polemiche e scatenato moltissimi commenti da parte degli utenti.