Safilo, Donazzan: positivo accordo su Longarone

Fdm

Venezia, 6 mar. (askanews) - L'assessore regionale al Lavoro, Elena Donazzan, commenta il voto favorevole espresso a larga maggioranza dai dipendenti di Longarone sull'accordo per il futuro dello stabilimento Safilo. "Prendiamo atto positivamente - dichiara l'assessore regionale - dell'accordo raggiunto tra le organizzazioni sindacali territoriali di Belluno e l'azienda in merito al sito produttivo di Longarone, grazie anche all'accompagnamento offerto dall'Unità di Crisi aziendale della Regione Veneto. Voglio sottolineare, in particolare, il senso di responsabilità, di cui tutte le parti in causa hanno dato prova, nel confronto e nel raggiungimento di una condivisione di strumenti e di iniziative per una prima gestione di questa fase di criticità aziendale, con gli obiettivi della tutela dell'occupazione e della salvaguardia della realtà produttiva dell'area bellunese". Per la referente delle politiche del lavoro della Regione l'accordo rappresenta "un importante punto di partenza di un processo di riqualificazione e valorizzazione industriale del sito, al quale - ribadisce Donazzan - la Regione non mancherà di dare il proprio supporto, in raccordo con le parti". "La Safilo, per Belluno e per il Veneto - prosegue l'assessore- rappresenta un patrimonio di professionalità, capacità produttiva, innovazione e immagine da difendere e promuovere. Auspico che le parti possano trovare una condivisione di intenti e strumenti anche per la gestione della realtà produttiva di Padova", aggiunge l'assessore. "Il comparto dell'occhialeria, uno degli 'asset' trainanti per l'intero Made in Italy, ha in Veneto un polo di eccellenza a livello mondiale, al quale la Regione continua a guardare con grande attenzione", conferma Donazzan. "Per favorirne le dinamiche di sviluppo e di valorizzazione Veneto - ricorda l'assessore - la Regione si è fatta promotrice della convocazione a Longarone, il 15 novembre scorso, degli 'Stati generali' del settore, nella prospettiva di allargare il confronto con i principali attori economici e sociali dell'intero territorio regionale e di approfondire prospettive e percorsi di crescita". Si è rafforzato, così, un percorso progettuale che ha visto un successivo incontro tecnico a febbraio, dedicato alla valorizzazione del 'Made in Italy', e che prevede ora la riconvocazione di un incontro pubblico per ampliare le strategie di tutela, sviluppo e riqualificazione dell'intera filiera del distretto, sia in ambito produttivo, che formativo e di promozione internazionale. "Purtroppo la data inizialmente prevista per lunedì 16 marzo dovrà essere rinviata, a causa delle misure preventive adottate per l'emergenza Covid 19 - informa Donazzan -. L'appuntamento verrà ricalendarizzato non appena possibile: la Regione resta e si conferma parte attiva nel processo di riqualificazione industriale e di ricerca di ogni forma possibile di sostegno allo sviluppo dell'occhialeria, settore strategico del nostro export e per la valorizzazione economica e sociale di un intero territorio".