Saguto: "Brusca pentito a metà, ha ancora tutto il suo patrimonio"

·2 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Palermo, 1 giu. (Adnkronos) – "Sono davvero furibonda. E' come se avessi lavorato per 40 anni inutilmente. Mi brucia quasi più questa scarcerazione di Giovanni Brusca della mia vicenda giudiziaria. In tutti questi anni Brisca ha detto molte menzogne. Ha parlato solo dei suoi nemici, mai dei suoi compari. E ha ancora il suo patrimonio, grazie a dei prestanome. Che amarezza". Silvana Saguto, la giudice radiata dall'ordine giudiziario per lo scandalo dei beni confiscati, è arrabbiata. Da Presidente della sezione Misure di prevenzione ha interrogato più volte l'ex killer di Cosa nostra che ha ammesso di avere compiuto oltre 150 omicidi. "Nessuno ha mai messo in discussione ciò che Brusca non ha mai detto – dice Saguto in una intervista all'Adnkronos – Quest'uomo viene smentito persino dal fratello, Enzo Brusca". E spiega: "E' vero, la legge sui pentiti è stata voluta anche da Giovanni Falcone, ma lui ha parlato nelle sue dichiarazioni solo dei suo nemici. Non ha mai messo a disposizione i suoi beni, continua ad avere un sacco di beni, ha 150 omicidi sulle spalle, ha tenuto ostaggio per due anni un bambino. Una persona indegna. E ora viene liberato. Una ingiustizia".

"Nessuno vuole ascoltarmi – dice ancora Silvana Saguto, condannata l'anno scorso a 8 anni e mezzo – è inutile che parli. Ma io so quello che possiede". E ricorda un dialogo avvenuto in aula, durante una misura di prevenzione. "Mi disse 'Giudice, lei è l'unica a ostinarsi a non credermi' e io gli risposi: 'E continuerò a non crederle. Lei si ostina a mentire'. La Procura di Palermo se lo è fatto passare sopra". Dice che "la legge non è sbagliata ma è applicata in maniera sbagliata, Brusca non ha mai messo a disposizione i suoi beni. Maria Falcone ha detto bene, ma il fratello voleva il pentimento di uno come Buscetta, che a differenza di Brusca, ha messo a disposizione le sue conoscenze anche nei confronti dei suoi sodali". "Mentre Giovanni Brusca ha parlato solo dei suoi nemici – dice ancora – senza contare le numerose estorsioni e il traffico di droga. Nessuno può uguagliare Brusca per ciò che ha fatto. Ed è un uomo libero".