Sala: "Dialogo con Grillo, M5S in parte di sinistra"

webinfo@adnkronos.com

Il sindaco di Milano, Giuseppe Sala, e il fondatore dei 5 Stelle Beppe Grillo hanno in corso un "dialogo". L’incontro sarebbe avvenuto nelle ultime settimane, come rivelato da un retroscena di 'Repubblica', e il sindaco lo ha confermato. "E' un dialogo che nasce da una comunanza di visione su tanti temi. La cosa bella per me è che io non ho nulla da chiedere a lui e lui non ha nulla da chiedere a me. Quindi è un dialogo tra due persone che si piacciono dal punto di vista di alcune idee e anche come relazione amicale, tutto qui" spiega Sala ai cronisti. "Non ci sono percorsi definiti ma è qualcosa che a me gratifica molto, è uno scambio che trovo molto stimolante".  

I 5 Stelle hanno una componente di sinistra che non va messa da parte e anche se scendessero al 15% dei consensi non sarebbero certo "finiti", prosegue Sala. "Mettiamola così: il Pd è una forza di sinistra. I 5stelle al loro interno - argomenta - hanno una parte di sinistra e una parte che non lo è. E’ abbastanza evidente. E’ un elemento diverso ed è un movimento che ha raccolto interesse di tanti cittadini. Il loro momento di difficoltà è evidente: io però non appartengono a quelli che dicono 'ecco sono finiti’. Se anche avessero il 15% è un 15% di italiani che danno ancora loro fiducia".  

Secondo Sala, questa componente di sinistra va guardata con attenzione: "C’è una componente all’interno del M5s che ha un’attenzione al sociale che è simile alla nostra e alla mia, e che io personifico in Beppe Grillo perché abbiamo questo rapporto. Abbiamo tante idee in comune ma al momento la cosa bella è che - ribadisce - parliamo delle nostre idee. Credo sia bello avere un rapporto in cui tu sai che dialoghi con una persona non avendo niente da portare a casa, per il piacere dello scambio intellettuale".