Sala: "Lockdown a Milano? Adesso no, abbiamo ancora 10-15 giorni per decidere"

Lorenzo Santucci
·1 minuto per la lettura
Beppe Sala, Mayor of Milan, during the celebrations for April 25th, the day of Liberation from the Fascist regime, April 25 2020 (Photo by Mairo Cinquetti/NurPhoto via Getty Images) (Photo: NurPhoto via Getty Images)
Beppe Sala, Mayor of Milan, during the celebrations for April 25th, the day of Liberation from the Fascist regime, April 25 2020 (Photo by Mairo Cinquetti/NurPhoto via Getty Images) (Photo: NurPhoto via Getty Images)

Dati i numeri delle terapie intensive e dei ricoveri, “anche nella peggiore delle ipotesi avremmo 10-15 giorni per decidere un lockdown” a Milano. Dunque “di certo non sarei d’accordo per un lockdown oggi”, ha detto il sindaco di Milano Sala al Corriere della Sera. Ieri il consigliere del Ministero della Salute, Walter Ricciardi, aveva parlato di un lockdown mirato in alcune zone d’Italia, tra cui Milano. Dopo lo stop del governatore lombardo Attilio Fontana, arriva dunque anche quello di Beppe Sala.

Il sindaco poi denuncia come “non sono stato consultato, non credo che sia così nel rispetto di Ricciardi”. I numeri degli intubati, riferiti al sindaco da “un virologo di cui mi fido molto”, parlano di “circa 80 pazienti intubati a Milano e 200 in Lombardia”. Questo porterebbe a escludere, per il momento, una chiusura totale del capoluogo lombardo.

Il sindaco, poi, ricorda come attualmente la pandemia abbia già causato danni che superano i 10 miliardi solo per fiere, pubblici esercizi, eventi, moda e sulla chiusura di bar e ristoranti aggiunge: “Capisco che per loro la chiusura alle 18 è una penalizzazione devastante. Per questo domenica ho chiamato il ministro Gualtieri e gli ho detto: ’Siccome volete rimborsare in fretta chi ha una penalizzazione, metto a disposizione i miei uffici per far sì che i rimborsi arrivino subito”.

Preoccupazione anche per le proteste che hanno avuto luogo in tutta Italia, compresa Milano: “Deve far riflettere il fatto che la gran parte dei ragazzi fermati siano minorenni. Bisogna fare di tutto perché la destra violenta non strumentalizzi chi è colpito dalla crisi”.

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.