Salah bocciato? Mourinho: "Io l'ho comprato, non l'ho venduto"

Josè Mourinho svela perchè Salah non riuscì ad imporsi nel Chelsea: “Non era ancora pronto, la decisione di venderlo però non fu mia”.

Reduce da annate importanti in Italia con le maglie di Fiorentina e Roma, Mohamed Salah in questa stagione è definitivamente esploso al Liverpool consacrandosi uno dei più grandi giocatori del pianeta.

Recentemente eletto Giocatore Africano dell’Anno, l’attaccante egiziano ha sin qui realizzato 43 reti in tutte le competizioni con la maglia dei Reds, diventando a detta di molti uno dei principali candidati alla conquista del prossimo Pallone d’Oro.

Salah, che in estate è stato ceduto dalla Roma per 42 milioni di euro, rappresenta molto probabilmente un rimpianto per il club giallorosso, ma lo stesso si può dire anche per il Chelsea che nel 2015 si è privato di lui per circa 20 milioni.

Nel corso delle ultime settimane, sono stati in molti coloro che hanno criticato Mourinho per il fatto di non essere riuscito a valorizzare un talento di tale livello ai tempi dei Blues, lo stesso Special One però, intervistato ai microfoni di ESPN Brasil, ha spiegato: “Questa è l’ennesima ingiustizia nei miei confronti. Tanti dicono che sono stato io a vendere Salah, la verità è invece che io Salah l’ho comprato”.

Mourinho svela perchè Salah non è riuscito ad esprimersi sotto la sua guida: “Sono stato io a dire al Chelsea di prendere Salah, fu una mia decisione. Lui quando arrivò da noi era però giovanissimo, fisicamente non era pronto e da un punto di vista sociale e culturale era perso. Per lui era tutto molto difficile. Abbiamo deciso di mandarlo in prestito per farlo maturare e alla Fiorentina è iniziato a crescere”.

Il tecnico lusitano esclude di aver bocciato Salah: “Sono bugie. Al Chelsea c’erano giocatori di un altro livello nel suo ruolo e collegialmente abbiamo deciso che per lui era meglio andare in prestito. La decisione di venderlo e di usare quei soldi per comprare un altro calciatore non è stata la mia. Io quindi l’ho comprato, altri l’hanno ceduto. La cosa però adesso non importa, quello che conta è che è diventato un campione fantastico e sono felice per quello che gli sta accadendo e soprattutto per il fatto che in questa stagione ha segnato contro tutto, tranne che contro di noi”.