Saldi estivi, Unione consumatori: sconti in salita

Red/Nav
·1 minuto per la lettura

Roma, 1 ago. (askanews) - Saldi al via, con sconti in salita. "Anche se la partenza è in sordina, sia per l'errore di non averli fatti partire in tutta Italia nella stessa data, sia perché in molte regioni, come il Lazio, erano consentite, in deroga alla normativa, le vendite promozionali nei 30 giorni che precedevano le vendite di fine stagione, sia perché si è partiti troppo tardi, in periodo vacanziero, quest'anno gli sconti sono superiori a quelli praticati lo scorso anno. Insomma, si possono fare buoni affari", afferma Massimiliano Dona, presidente dell'Unione Nazionale Consumatori. Secondo lo studio dell'Unione Nazionale Consumatori, infatti, per l'abbigliamento l'abbassamento dei prezzi è del 22,5%, in deciso aumento rispetto a luglio 2019, quando lo sconto si era attestato al 21,1%. Per le Calzature il ribasso è del 22,2%, 2,5 punti percentuali in più rispetto al 19,7% dello scorso anno. Nel complesso, per Abbigliamento e calzature lo sconto è del 22,4%, in rialzo nel confronto con la scorsa estate (20,9%). "Alcuni consumatori vogliono essere rassicurati in merito alla sicurezza degli acquisti in epoca Covid. Si possono provare i capi oppure no? E' solo uno dei tanti quesiti che i consumatori ci hanno posto. Per questo, per tranquillizzarli, abbiamo deciso di fare un vademecum ad hoc con le giuste precauzioni da adottare" continua Dona. (Segue)