Sale occupazione reparti Covid in Lombardia, Lazio e Piemonte

·1 minuto per la lettura
aumento ricoveri
aumento ricoveri

I contagi continuano ad aumentare, e di conseguenza anche i ricoveri in ospedale dovuti al Covid. In particolare, Lombardia, Piemonte e Lazio vedono i posti letto dei propri ospedali riempirsi.

Covid, aumento di contagi e ricoveri

Il Coronavirus continua a farsi sentire. Con il termine di questo 2021 i numeri dei contagi sono schizzati alle stelle, tanto da costringere ad una Cabina di Regia proprio a ridosso del Natale. Le nuove restrizioni sono state rigide in alcuni casi, ma servono per non far collassare il sistema sanitario italiano e restare su soglie accettabili di ospedalizzazione.

Il nuovo Decreto ha portato ad una riduzione della durata del Green pass (ora a 6 mesi), obbligo di mascherina all’aperto e chiusura delle discoteche.

Covid, i numeri dei ricoveri

Stando ai dati di Agenas – Agenzia nazionale per i servizi sanitari regionali – il livello di ospedalizzazione complessivo è fermo al 12% per le intensive e al 15% per i reparti medici.

Tra le Regioni più colpite c’è sicuramente il Veneto, passato in zona gialla oltre una settimana fa e che proprio oggi ha fatto registrare un boom di oltre 7.400 nuovi contagi in 24 ore. Per quanto riguarda i ricoveri, nei reparti ordinari sono ospedalizzati 1.164 pazienti, mentre nelle terapie intensive 178 persone.

Covid, le Regioni con l’aumento dei ricoveri

Tra le Regioni che hanno visto nelle ultime ore una crescita del tasso di ricoveri ci sono Lombardia, Piemonte e Lazio, che vedono incrementare dell’1% la soglia di occupazione dei reparti ospedalieri, passando rispettivamente al 16%, al 15% e al 18%.

Le Regioni avevano già superato il livello di allerta per l’occupazione delle terapie intensive: al 14% nel Lazio, al 12% in Lombardia e al 14% in Piemonte.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli