Salento, notte di sbarchi: 80 i migranti rintracciati

sbarchi gallipoli salento

Sbarchi nel Salento: sarebbero 80 i migranti rintracciati sulle coste leccesi, dove a tarda notte la Guardia di Finanza ha registrato un massiccio attracco a Gallipoli. Uomini, minorenni e donne quasi tutti stremati dopo giorni di navigazione. Fermati anche due scafisti: un’imbarcazione è stata posta sotto sequestro.

Notte di sbarchi nel Salento

80. Questo il numero di migranti sbarcati nella notte nel Salento, in provincia di Lecce, dove sono stati rintracciati verso le coste dalla Guardia di Finanza. Due gli sbarchi, dove il più ingente è avvenuto in località Lido Pizzo, a Gallipoli: all’una di notte l’allarme, con l’intercettazione dell’imbarcazione da parte della Finanza. I dati: 57 pachistani, fra cui 12 minorenni. Dopo ben sette giorni di navigazione, il gruppo di migranti è sbarcato stremato sulle coste italiane. A soccorrerli la Croce Rossa, che ha successivamente trasferito il gruppo a Taranto dove i migranti sono stati identificati.

La presenza degli scafisti

Quasi parallelamente, un secondo sbarco avveniva a Porto Miggiano, a Santa Cesarea Terme. Un gruppo di migranti diviso tra iracheni e curdi: sette uomini, sei donne e otto bambini, uno dei quali ferito ad un mano. Anche qui è stata la Guardia di Finanza ad intercettare l’imbarcazione: la barca a vela sulla quale si trovavano è stata notata da una motovedetta mentre riprendeva il largo. A bordo quelli che poi sono stati identificati come i due presunti scafisti, quale posizione è ora al vaglio dell’autorità giudiziaria. L’imbarcazione, poi condotta al porto di Otranto, è ora sotto sequestro. Rintracciati inoltre, nella frazione di Santa Cesarea, a Vitigliano, altri sette iracheni, probabilmente collegati al secondo sbarco.