Salman Rushdie, il figlio: "Ferite gravi, ma umorismo intatto"

(Adnkronos) - "Dopo l'attacco di venerdì, mio ​​padre rimane in condizioni critiche in ospedale e riceve cure mediche estese. Siamo estremamente sollevati dal fatto che ieri gli sia stato tolto il respiratore e l'ossigeno aggiuntivo e abbia potuto dire alcune parole". Sebbene le sue importanti ferite "siano gravi, il suo solito senso dell'umorismo, esuberante e provocatorio, rimane intatto". A dichiararlo è stato Zafar Rushdie, il figlio dello scrittore angloindiano Salman accoltellato due giorni fa.

"Siamo così grati a tutti i membri del pubblico che sono accorsi coraggiosamente in sua difesa e hanno prestato i primi soccorsi assieme alla polizia e ai medici che si sono presi cura di lui" e siamo riconoscenti "per le dimostrazioni di amore e appoggio da tutto il mondo", prosegue la dichiarazione citata da SkyNews. "Chiediamo pazienza e di poter mantenere la privacy mentre la famiglia è riunita accanto a lui per sostenerlo e aiutarlo in questo momento".