Salone Mobile, Luti lascia: non condivido volontà di non fare squadra

Red
·2 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 22 apr. (askanews) - "Lasciare la presidenza del Salone in un momento così delicato e complesso è una scelta dolorosa e sofferta Mi sono impegnato in questi anni per affermare la manifestazione quale raffigurazione del sistema a livello internazionale, ma non ci sono più le condizioni per perseguire una mia visione di compattezza del Settore per il bene comune". E' quanto afferma Claudio Luti in una nota con cui ha psiegato che "la diversità di visione globale del settore" è la motivazione che lo ha spinto a rassegnare le sue dimissioni alla vigilia del cda di FederlegnoArredo Eventi, al quale non ha presenziato avendo rimesso il mandato prima della riunione.

"Rispetto - prosegue Luti - le decisioni di tutti ma non condivido la volontà di non fare squadra in un momento così delicato e di rinunciare almeno a provare a definire un percorso concreto per fare quello che potrebbe essere il Salone simbolo della ripresa del Paese. Certamente riconosco le difficoltà e anche le incognite che ci impediscono ora di chiarire tutte le incertezze date dallo scenario pandemico ancora incombente. Ma quello che conta per me è la comune volontà di intenti, che è venuta a mancare". "Resta il mio indiscusso rispetto e affetto per il Salone del Mobile che continuerò a sostenere - conclude - e mi auguro che il lavoro di tutti prosegua con l'obiettivo di preservare le emozioni, le suggestioni e la forza che il Salone da sempre porta a Milano".

In questi giorni, Luti, presidente del Salone del Mobile, stava lavorando per costruire le condizioni che assicurassero, compatibilmente con il rispetto dei protocolli e le garanzie sanitarie dovute e richieste, lo svolgimento della manifestazione a settembre, si legge in una nota diffusa dall'azienda di cui Luti è presidente. L'obiettivo era quello di rappresentare il sistema unito e compatto nel tornare a raccontare al mondo il design e a portare i primi segnali di una reale rinascita del Paese. Contemporaneamente si è evidenziata la volontà da parte delle aziende di rinunciare a partecipare al Salone di settembre, rendendo difficoltoso dar vita a una manifestazione di qualità, rappresentativa del settore nel suo insieme.