Salta la prima della Scala del 7 dicembre

Maria Teresa Santaguida
·2 minuto per la lettura

AGI - E' ufficiale: quest'anno la tradizionale 'Prima' alla Scala di Milano il 7 dicembre non si farà, almeno con la consueta recita dell'Opera. Impossibile - si apprende - con le nuove norme previste dal Dpcm e con l'eventuale zona rossa in Lombardia allestire le prove che servivano a preparare l'evento più importante dell'anno del Piermarini anche nel caso di un prossimo allentamento delle misure anti covid. 

Per molti degli orchestrali, ad esempio, non sarà possibile muoversi per recarsi sul posto di lavoro, ma soprattutto la Lucia di Lammermoor di Donizetti, con la quale doveva aprirsi la stagione, necessita del coro, che è proprio dove per il momento si è concentrata la maggior parte dei contagiati e quarantenati. 

Secondo quanto risulta all'AGI, tra domani e dopodomani ci sarà un incontro tra la dirigenza del teatro alla Scala e i lavoratori per approntare un 'Piano B', ossia un'altra iniziativa musicale per celebrare comunque il giorno di Sant'Ambrogio, patrono di Milano e l'inizio della stagione lirica.

Probabile la trasmissione in streaming e in diretta Tv dell'opera.

Nel frattempo è quasi terminato lo screening degli oltre mille dipendenti del Teatro con i tamponi rapidi: orchestra e ballo per il momento i segmenti che hanno registrato pochissimi casi. 

"Il Consiglio di Amministrazione del Teatro alla Scala - scrive l'ente in una nota - ha preso atto che nell'attuale quadro epidemiologico e normativo non sussistono le condizioni per provare e realizzare una produzione aperta al pubblico e del livello e con le caratteristiche richieste per un'inaugurazione di stagione. Non ritenendo di poter avere pubblico in Teatro si cercherà una formula per raggiungere una platea la più ampia possibile". 

Le rappresentazioni di Lucia di Lammermoor previste per il 7 dicembre e per i giorni seguenti sono quindi rinviate. E' stato richiesto al Sovrintendente e Direttore Artistico Dominique Meyer di approfondire la sua proposta per una soluzione alternativa di alta qualità per la serata del 7 dicembre", prosegue la nota del Piermarini.