Salute, al Rizzoli di Bologna caviglia ricostruita con protesi... -3-

Cro-Mpd

Roma, 14 gen. (askanews) - Sia la tibia che l'astragalo, così preparati, hanno potuto "ricevere" ottimamente l'impianto protesico su misura: già a fine intervento, in sala operatoria, è stato possibile valutare il perfetto posizionamento e l'ottimo recupero dell'arco di movimento dell'articolazione della caviglia. Anche il protocollo post operatorio è stato personalizzato: riportare in movimento continuo un'articolazione bloccata da anni è complesso e ha richiesto un'intensa collaborazione con l'Unità di Medicina Fisica e Riabilitativa del Rizzoli diretta dalla professoressa Maria Grazia Benedetti.

"Questa strategia, pensata per pazienti resi disabili da gravi incidenti che hanno compromesso irrimediabilmente la funzione articolare della caviglia - commenta il direttore generale del Rizzoli Mario Cavalli - è anche frutto della collaborazione tra il Rizzoli, con i suoi chirurghi ortopedici, gli ingegneri, i fisiatri, e gli Istituti di Anatomia e di Ingegneria dell'Università di Bologna. La valorizzazione delle diverse competenze in ambito tecnologico, ingegneristico e medico, coordinate in un IRCCS, Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico, quale il Rizzoli, ha permesso di dare una risposta clinica di altissima innovazione a pazienti per i quali fino ad oggi la chirurgia non poteva nulla per migliorare la loro disabilità."